L’amministratore delegato di Kraken ritiene che Bitcoin supererà alla fine la mappa del mercato da 10 trilioni di dollari dell’oro

I punti salienti:

  • Il CEO di Kraken ritiene che Bitcoin supererà l’oro come riserva di valore
  • Affinché Bitcoin superi l’oro in termini di capitalizzazione di mercato, dovremmo vedere un prezzo di quasi 500.000 dollari per moneta
  • Sempre più investitori ritengono che un tale prezzo sia effettivamente fattibile

Mentre la Bitcoin BTC, -2,56% è ancora oggi scambiata a livelli inferiori ai 10.000 dollari, questo non ha fermato gli investitori e i dirigenti nello spazio dal fare alcune audaci ma non completamente stravaganti previsioni di prezzo a lungo termine. Per esempio – Jesse Powell, l’amministratore delegato della principale borsa valori crittografica Kraken, ritiene che alla fine il Bitcoin System supererà l’oro in termini di capitalizzazione di mercato. Secondo Powell, questo accadrà tra qualche anno, quando comincerà a manifestarsi il vero effetto del tappo di fornitura di 21 milioni di Bitcoin.

Il Bitcoin supererà l’oro come riserva di valore

Il co-fondatore di Kraken e primo adottante di Bitcoin è apparso in una recente discussione dal vivo di Bloomberg in cui ha condiviso le sue riflessioni sulle prospettive a lungo termine del mercato della crittovaluta. Agli occhi di Powell, il Bitcoin è già un legittimo deposito di valore e la sua prevedibile offerta futura porterà al fatto che la più antica crittovaluta alla fine „supererà l’oro come deposito di valore“. Ha dichiarato:

„La Bitcoin ha 10 anni di storia alle spalle. Nel corso del tempo è in alto e a destra. La gente ci si affolla come un porto sicuro per via della sua offerta limitata e prevedibile. Nessuno può stamparlo“.

Questo colloca il prezzo della Bitcoin nella fascia di prezzo di 450.000 $500.000$.

Con la capitalizzazione di mercato dell’oro stimata in circa 9-10 trilioni di dollari e la fornitura di Bitcoin limitata a soli 21 milioni di monete, un semplice calcolo rivela che per „superare“ l’oro Bitcoin, BTC dovrebbe commerciare tra i 450.000 e i 500.000 dollari.

Anche se questo può sembrare irrealistico, molti investitori di spicco hanno già dichiarato che prezzi così alti sono effettivamente fattibili. Uno di loro è Raoul Pal, un ex dirigente di Goldman Sachs e gestore di hedge fund, che ha affermato che il raggiungimento di 500.000 dollari da parte di Bitcoin è totalmente fattibile, dato che le valute criptate sono pronte a svilupparsi in un ecosistema. Pal ha detto:

„Se diventa un ecosistema, e noi crediamo che lo sarà e che porterà con sé anche l’intero ecosistema, allora sì, penso che un numero di 10 trilioni di dollari sia facilmente raggiungibile all’interno di questo processo“.

Sempre più investitori saltano sul carro dei Bitcoin

Mark Yusko di Morgan Creek Digital condivide l’opinione di Pal. Egli ha dichiarato in più occasioni che il Bitcoin che raggiunge un prezzo di 400.000-500.000 dollari è del tutto fattibile:

„Tutti i fondamentali del valore della rete stanno aumentando – e stanno aumentando in modo esponenziale. E così, si ottiene questa curva di crescita parabolica. […] Entro il 2025, è probabile che vedremo 250.000 dollari bitcoin, e poi a un certo punto del 2030 potremmo vedere 400.000 o 500.000 dollari bitcoin quando raggiungerà l’equivalenza dell’oro“.

Paul Tudor Jones: „Bitcoin mi ricorda l’oro“

Inoltre, il famoso gestore di hedge fund James Tudor, ritiene che Bitcoin abbia tutte e quattro le caratteristiche chiave di un buon rapporto qualità-prezzo. A maggio, Tudor Jones ha detto che in un mondo in cui il fiat money sta perdendo valore velocemente, è probabile che il Bitcoin si apprezzi molto più velocemente dell’oro e delle azioni. Questo ovviamente non significa che pensi che il limite massimo di mercato della Bitcoin supererà quello dell’oro, ma dimostra che si aspetta che la Bitcoin guadagni almeno un po‘ sul limite massimo di mercato dell’oro nei prossimi anni. Ha anche detto che Bitcoin gli ricorda l’oro dei primi tempi:

„Non sono un sostenitore della proprietà della Bitcoin in modo isolato, ma ne riconosco il potenziale in un periodo in cui abbiamo le politiche economiche più poco ortodosse della storia moderna. […] La Bitcoin mi ricorda l’oro quando sono entrato in affari per la prima volta nel 1976“.